RICERCA

NOME
PREZZO -
CITTÀ
STANDARD
 

Festa - Hotele ne Shqiperi Lezhe


Sulla base della posizione geografica, delle risorse naturali e della configurazione dell'area di Gjakova / Djakovica con i dintorni si può supporre che questa zona sia stata abitata fin dalla preistoria. I cimiteri di Tumulo nei vicini villaggi di Brekoc e Moglicë e altri ritrovamenti occasionali testimoniano la vita degli Illiri in questa zona.
Per la prima volta, nel Medioevo, Gjakova è menzionata come villaggio, bazar nel 1485.
Nel 1594, Sylejman Hadim aga costruì la Moschea di Hadum, la scuola, la biblioteca, mangiava, hamam e muvah han, un impianto per misurare il tempo e programmare il calendario con l'aiuto di quad astrologici, che erano il nucleo intorno al quale il Grande Carpazi.
Nel 1662, per la prima volta in Gjakova è stata citata la trackwoman ottomana Evlia Çelebiu, che ha scritto: "Jakova ha due mille case adornate che si sono svolte su una vasta area. Ci sono due bellissime moschee, mas ... C'è un bellissimo hammam per il piacere del cuore e trecento negozi con mille tipi di artigiani. Dal momento che ha un clima piacevole, i residenti sono belli e piacevoli ".
Le forme di denominazione della città sono cambiate nel corso dei secoli. La forma più antica di Jakova scorre dall'antropone radicale Yak diffusa tra gli albanesi locali e l'ottagono osmanishte ovasi che significa il campo. Quindi il gufo yak significa i campi di Yakut, perché Jak Vula, secondo la tradizione, ha permesso ad Hadum agas di costruire la moschea e le strutture menzionate a condizione che la città successiva sia stata nominata dopo il suo nome.
La denominazione Jakov è in tutte le fonti fino al 1912, dopo l'occupazione serba, quando alla fine ha dato il nome Gjakova agli albanesi e alla Gjakovica per i serbi.

HOTEL PASHTRIKU

MOTEL VILLA DONI

HOTEL AMSTERDAM

HOTEL ELBA

HOTEL METROPOL